Quando preparo la valigia prima di partire, ci metto più tempo a scegliere i libri che i vestiti da portare. Ho bisogno di un libro per il viaggio, di un libro per il mare, di un libro se fa freddo, di un libro per il dopocena, di un libro che mi auguri il buongiorno.

Perché scegliere i libri come compagni di viaggio?

Semplice…

Non chiedono di fermarsi in autogrill per fare pipì 5 minuti dopo la partenza.

Non si scottano obbligandovi a spalmare flaconi e flaconi di crema per eritemi solari.

Non si alzano a mezzogiorno dopo una notte brava mentre voi da buone lucertole vorreste già essere in spiaggia.

Potete leggerli subito dopo pranzo senza aspettare 3 ore per la digestione.

Potete usarli come divisorio tra voi e i vicini di ombrellone impiccioni. Basterà nascondersi dietro il libro aperto e il gioco è fatto.

Al contrario potrebbero essere uno strumento per fare colpo, del resto hanno anche fatto una campagna chiamata “Reading is sexy“.

Non vi chiedono: ma con questo costume sto bene? Non sembro una botte? Mi vedi ingrassata?

Non vi vanno scenate di gelosia se dopo aver terminato un romanzo vi buttate a capofitto in un altro, sono per la condivisione. Più si è meglio è.

Non si offendono se li lasciate a casa per far spazio ad un altro libro, sono pazienti e sanno che il loro momento arriverà e allora sarà bellissimo!

Insomma, sono i migliori compagni di sempre!

Nel video trovate una piccola selezione di letture per tutti i gusti.

Buone vacanze a chi come me resterà in città, a chi è al mare, in montagna in giro per il mondo. Buone letture a tutti!

Di seguito i titoli consigliati :

Antipodi di Raffaele Napoli (Casasirio)

Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare di Vincenzo Costantino (Marcos y Marcos)

Per legge superiore di Giorgio Fontana (Sellerio)

I miei piccoli dispiaceri di Miriam Toews (Marcos y Marcos)

L’inconfondibile tristezza della torta al limone di Aimee Bender (Minimum Fax)

Benedizione di Kent Haruf (NN Editore)

Peep Show di Federico Baccomo (Marsilio)

Dormono sulla collina di Giacomo Di Girolamo (Il Saggiatore)

La schiuma dei giorni di Boris Vian (Marcos y Marcos)