Home/Libri/Il sentiero delle babbucce gialle

Il sentiero delle babbucce gialle

19,50

Kader Abdolah

Il sentiero delle babbucce gialle

Iperborea

Trad. Elisabetta Svaluto Moreolo

Data di pubblicazione: 9 settembre 2020

Disponibile in pre order

Descrizione

Il nuovo grande romanzo del cantastorie e affabulatore iraniano Kader Abdolah, ispirato alla vita di Saeed Sultanpour, poeta di spicco della rivoluzione iraniana, giustiziato nel 1981.

Sultan viene da una nobile famiglia persiana di commercianti di zafferano e trascorre la sua giovinezza nel castello di famiglia ad Arak, a circa 200 chilometri da Teheran. Nella torre di avvistamento dove spesso si rifugia, Sultan trova un cannocchiale – che si rivelerà determinante per il suo futuro di ragazzo appassionato di fotografia e di cinema – attraverso cui osserva la città, gli altri bambini, i campi di zafferano, il mondo fuori dal castello: è un ragazzino silenzioso e non ha molti contatti con i suoi coetanei. Una volta lasciata alle spalle la timidezza dell’infanzia, Sultan si getta a capofitto nella vita e nelle passioni: dopo aver partecipato al movimento di occidentalizzazione della Persia ed essere diventato un apprezzato regista di documentari, partecipa alla lotta di liberazione, si unisce ai comunisti, viene fatto prigioniero ed è graziato con l’avvento di Khomeini. Quando viene di nuovo coinvolto nei gruppi comunisti è costretto a fuggire all’estero, questa volta verso la campagna olandese dove vivrà «rifugiato nel suo olandese stentato, dove nessuno può trovarlo», cercando di fare i conti con il suo passato. La narrazione principale del Sentiero delle babbucce gialle è incorniciata dal racconto di un alter ego di Abdolah, che ha ricevuto un libro scritto a mano dal suo vecchio compagno di armi Sultan con la richiesta di riscriverlo in olandese. Fondendo realtà storica, esperienza autobio- grafica e fiaba orientale, Abdolah trasforma il manoscritto del connazionale in un romanzo che ripercorre la vita straordinaria di un uomo costretto allo sradicamento della fuga, sullo sfondo dei rivolgimenti politici e religiosi dell’Iran nella seconda metà del Novecento. E muovendosi tra finzione e realtà, tra passato e presente, tra Olanda e Iran, il grande narratore olandese tocca e riannoda alcuni temi che ricorrono nella sua opera: l’importanza di seguire il proprio cammino, l’inevitabilità dei sacrifici per una causa, la struggente nostalgia per la sua terra di origine, ma soprattutto il dovere etico della memoria.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il sentiero delle babbucce gialle”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in cima