//Una pigna per Ravenna

Una pigna per Ravenna

Il racconto del viaggio della libraia on tour continua…
Il 24 maggio io e la mia socia Boss aka Elena Giorgi (I’m not a groupie) siamo partite alla volta di Ravenna.
Avevo un’agenda sulla quale ho annotato tutti gli aneddoti dei miei viaggi, ebbene: l’ho persa!
Sono certa però che la mia memoria abbia preso nota delle cose più speciali! O almeno spero.

Posso dire di aver avuto la fortuna di essere ospitata dalla famiglia di Elena e mi sono subito sentita a casa!
Olivia, il loro cane, e Sofia, la loro bimba, mi hanno promossa a zia acquisita ed è stato amore a prima vista!
Che dire poi delle guide personalizzate su Ravenna? Sì, sono una ragazza fortunata circondata da persone che mi vogliono un gran bene!
Lo sapete vero che la tomba di Dante si trova a Ravenna e non a Firenze? (ammetto, io no!)
In una di queste guide ho scoperto anche quale sia il simbolo di Ravenna: la pigna!

La libreria che mi ha ospitato è la Dante di Longo che per l’occasione ha organizzato per la prima volta una presentazione in libreria. Onorata che abbiano inaugurato con me e il mio romanzo!
Alberta e Angela – così si chiamano le due libraie – sono ragazze che dovete assolutamente conoscere. Ci siamo piaciute non appena viste e abbiamo passato insieme una bellissima serata, conclusasi con un hamburger vegano (sì, sempre per colpa mia, non mi è ancora passata questa brutta malattia, eheheh!).

La libreria è stata gestita dalla loro nonna fino ai suoi 85 anni, una vera libraia doc che ha trasmesso l’amore per i libri e la lettura e ha insegnato alle due libraie come si gestisce una libreria anche senza pc. Eh sì, la loro nonna non ha mai usato il computer e segnava tutto a mano, anche gli ordini, con tanto di tripla carta copiativa!
Capite cosa intendo quando dico che questi incontri mi stiano arricchendo? Storie che mi stanno lasciando tanto, esperienze, voglia di condivisione e tanto altro. Il viaggio nel viaggio insomma!

Alla presentazione una ragazza mi dice:
Sai, avevo visto in vetrina il tuo romanzo, ma pensavo si trattasse dell’ennesima storia romantica ambientata in libreria. Ascoltarti invece mi ha fatto cambiare idea

(e insomma, ha comprato il libro anche lei! A quanto pare li convinco… Mastrota te lo dico, inizia a tremare!!!)

Ho chiesto anche alle sorelle libraie di di consigliarmi un libro da comprare e di comune accordo hanno scelto: Chiamate la levatrice di Jennifer Worth – Sellerio.

Il 25 maggio ho avuto tutta la mattinata a disposizione per visitare la città, il mio treno per la presentazione a Bologna sarebbe stato nel pomeriggio. Mi piace camminare per le città, fotografarne gli angoli, rallentare il passo e godermi scorci nuovi.
A pranzo sono stata in un posticino proprio carino.
Si sa però che gli imprevisti sono all’ordine del giorno, come anche gli scioperi nei trasporti e così: treno soppresso.
E ora come faccio? Chiedo aiuto agli amici e mi arriva una dritta: prova BlaBlaCar.
Non l’ho mai utilizzato prima. Mi iscrivo e c’è una persona che ha un posto anche per me. Confermo la mia prenotazione e continuo a girare per la città aspettando la partenza.

Laura, la sorella di Elena mi accompagna al ritrovo per la partenza con Bla Bla Car. In quello spiazzo ci sono diverse auto con dentro gente che aspetta di partire. Finalmente arriva la ragazza con la quale ho appuntamento. Ci presentiamo, siamo in 5 a dividere questo viaggio. Saluto Ravenna e salgo in macchina con questi ragazzi pronta per andare a Bologna.
Ma questa è un’altra storia…

By | 2016-07-11T12:17:21+00:00 luglio 11th, 2016|Pensieri lilla|1 Comment

About the Author:

Sono una spacciatrice di sogni. Da piccola volevo fare la libraia e nel 2010 ho aperto la mia libreria a Milano, Il Mio Libro. Nel 2016 è uscito il mio libro per Rizzoli, "La libreria delle storie sospese".

One Comment

  1. […] vi ho raccontato nella tappa precedente di Ravenna, hanno indetto uno sciopero dei treni e mi sono ritrovata a usare per la prima volta […]

Leave A Comment